Come ogni anno, anche quest’anno – e per la precisione il 21 di Giugno – si terrà il Draft NBA che, in un certo senso, darà il via alla nuova stagione a partire già dalle ore precedenti alle scelte, durante le quali non è da escludere che possano andare in scena trattative e scambi degni di nota.

Inutile negare che la sola presenza di Luka Doncic sta risvegliando nei cuori degli appassionati europei un interesse decisamente maggiore rispetto al passato, se non fosse altro per la cavalcata trionfale del prodigio sloveno cominciata già da qualche anno e culminata negli ultimi 10 mesi in cui ha inanellato un successo dietro l’altro, a partire dalla vittoria dell’Europeo, per finire con il titolo di MVP dell’Eurolega a soli 19 anni (più giovane di sempre a ricevere tale riconoscimento).

Ma quello che verrà, non sarà solo il draft di Doncic, anzi… pare infatti che tra gli addetti ai lavori ci siano pochi dubbi per quello che riguarda la prima chiamata assoluta che spetta ai Phoenix Suns.

Sembra infatti scontato che la franchigia dell’Arizona non si farà scappare DeAndre Ayton, fisicaccio proveniente proprio dallo stato in questione e che in tanti vedono già come prodotto locale destinato a risollevare (almeno in parte) le sorti dei Suns.

Ad ogni modo, come risaputo, il Draft è una delle scienze meno esatte che ci siano nell’ambito della pallacanestro e di certezze ce ne sono veramente poche visto che per ogni LeBron James c’è sempre un Anthony Bennet dietro l’angolo.

Nell’avvento che conduce alla serata in cui Adam Silver chiamerà i prossimi giocatori NBA sul palco, ESPN ha pubblicato un articolo in cui ha cercato di stimare per ogni prospetto le probabilità che questo si trasformi in All Star (giallo), titolare (verde), giocatore di rotazione (blu) oppure bidone (rosso).

Marvin Bagley III sembra essere il giocatore con le chance maggiori di trasformarsi in un’All Star (16%) mentre, rimanendo nella top10, come prevedibile il candidato più accreditato per rivelarsi un “bust” sembra essere Trae Young (23%) che divide gli addetti ai lavori tra chi lo considera il nuovo Steph Curry e chi invece ne evidenzia principalmente la struttura fisica ridotta abbinata ad una transizione verso l’NBA ancora tutta da verificare.

Nel grafico che segue, trovate per ogni giocatore le relative percentuali associate ai 4 scenari delineati da ESPN e dei quali potete trovare il dettaglio numerico interagendo con il cursore da PC o cliccando da mobile (per il quale si consiglia una visione con orientamento orizzontale)