ore 9.00 La badante rumena di 18 anni senza permesso di soggiorno sveglia Borghezio

ore 10.00 Calderoli entra in un negozio di scarpe. La commessa gli consiglia uno “stivale col tacco”. Calderoli si sente male.

ore 10.10 Il trota aggiorna lo status su facebook “A differenzza di altri ho un orgolio e mi sono dimesso. Spero che d’ora in poi nessuno buttaste più fango sopra di me e la mia familia :-P”

ore 10.25 Un “mi piace” allo status del Trota: Cepu Ufficial Paige

ore 11.45 Umberto si sveglia, esce dalla bara e va ad aprire la porta. E’ arrivato “Mimmo Caniato o’ inventore do cemento armato”, impresa edile mandata da Belsito per ristruttare il bagno del senatùr: mattonelle verdi al profumo di pino Silvestre per una cagata d’alta montagna

ore 12.30 Rosy Mauro approva il 150 esimo decreto della mattina. Tutto il senato (9 persone) le tributa una standing ovation.

ore 13.30 Belsito preleva 70.000 euro dalla cassa del partito per pranzare da Mc Donald’s.

ore 15.00 Suona ancora il campanello di casa Bossi. E’ Luisa Corna. “Umberto, tirati giù le mutande”

ore 15.35 Bossi, privo di sensi, viene trasportato in terapia intensiva.

ore 16.00 Il trota preleva col bancomat del partito 500 euro. E’ uscito in sala giochi il nuovo Nba Jam.

ore 17.00 La moglie di Bossi risponde alle domande dei giornalisti “Com’è potuto accadere che vi hanno ristrutturato la casa a vostra insaputa” – “E’ stata una delle esperienze più brutte della mia vita: in 3 ci tenevano fermi mentre gli altri 7 ristrutturavano. Non erano nemmeno italiani”.

ore 17.30 Borghezio ai microfoni di Sky Tg 24 torna sull’argomento terremoto a L’Aquila “gli abruzzesi hanno rotto le balle. Non fanno altro che aspettare gli aiuti dall’alto”. Una voce fuori campo “Fino ad ora sono arrivati solo da dietro”

ore 18.30 Rosy Mauro viene espulsa dal partito e commenta a caldo la notizia “Aggiu datu la vita mea pi stu partito. Lu fatto mi scuresce lu core. Ehm mi scusi, volevo dire che la notizia mi rattrista tantissimo, testina, pirlun bauscia”

ore 19.30 Ansa su Calderoli “Smentisco categoricamente di aver pronunciato frasi offensive nei confronti della comunità omosessuale. Gli omesessuali li rispetto tantissimo. Io mi riferivo ai ricchioni.”

ore 20.00 Il trota viene contattato da Sara Tommasi “Ciao Renzino, stasera passo da te che mi fai un bel massaggino” – “Certo Sara vieni pure a casa mia, o tutto l’ocorente per farti un bel massagio”

ore 20.15 Al trota viene in mente che in realtà non sa fare i massaggi

ore 20.45 Arriva via fax dallo studio di Belsito una laurea specialistica con master integrativo dalla facoltà di fisioterapia dalla prestigiosa Univiersità di Pontida, intestata al dottor Trota Bossi. 110 e lode con bacio accademico.

ore 21.30 Maroni uscito dal ristorante si ferma davanti a un manifesto della Lega col volto di Bossi, e ci piscia sopra.

ore 22.15 Cota viene coinvolto in una rissa a Torino sotto al palco di Gigi D’Alessio. Voleva farsi l’autografo per primo.

ore 22.30 Il trota in collegamento da Radio 24 commenta le sue dimissioni “Mi dispiace tanto perchè avevo tanti progetti in mente tra cui la realizzazione di un ponte tra Brescia e Helsinki. I polacchi sono un popolo straordinario, l’ho imparato sui banchi di scuola al Cepu”

ore 23.00 Maroni finito di cagare non sa con cosa pulirsi, la carta igienica è finita. L’occhio gli cade sulla seconda pagina di “Libero”, primo piano di Bossi. La carta igienica non serve.

ore 23.15 Il trota uscendo dagli studi di Radio 24 sfascia la sua BMW. Probabilmente un tentativo di nascondere le prove.

ore 24.00 Solito puttantour della staffa, sul Porsche Cayenne intestato a Belsito, macchinata composta da Umberto Bossi, Calderoli, Cota, Zaia e Borghezio. Dietro nel bagagliaio, dentro una vasca piena d’acqua, il Trota.

ore 00.20 Calderoli approccia una prostituta moldava e parte la contrattazione. La rumena spinta da spirito imprenditoriale offre un 30 euroboccaculotuttiamici, l’ex ministro della semplificazione per quella cifra chiede anche 1,5 kg di polenta taragna. Nel frattempo Borghezio estrae dal baule una tanica di benzina purificatoria.

ore 01.35 Umberto e il figlio Renzo sono insieme a letto come ai vecchi tempi. Il Senatùr provato dai fatti degli ultimi giorni, guardando il figlio intensamente negli occhi, gli appoggia dolcemente una mano sul capo ed esclama con voce rotta “Trotino mio, dormi sereno. Sarai anche nato col parto anale, ma lo stronzo sono io”