ore 8:00 Magro si sveglia

ore 8:01 Magro ha già fatto colazione, si è lavato i denti, pettinato, ha preparato la borsa e si è vestito: in 1 minuto

ore 8:30 Rosselli fa colazione pucciando delle costoline d’agnello nel latte

ore 9:00 Alle poste di Lubiana è giorno di pensioni: appostato su un Booster con la marmitta rovesciata c’è uno strano individuo col casco castano

ore 9:30 Aradori esce dall’harem e scende a far colazione. Pianigiani invece dopo essersi vestito si tuffa di testa in una vasca piena di stucco

ore 10:00 Arriva anche Belinelli, un capuccino per lui e 2 caffè macchiati per le sue palle

ore 10:15 Arriva una mail a Gentile “Sei il giocatore che mi ha impressionato di più, ti aspetto da questo parte dell’oceano – D.Rose”. Alessandro risponde “Ma che cazzo vuoi? Ci metto di meno a fare Caserta-America a nuoto che tu a ritornare a giocare. Vado a Miami, così con Lebron da sesto uomo non vinci l’anello neanche a pagarlo”

ore 10:30 AlaDiener, infortunato, raggiunge gli altri con calma. Oggi ha deciso di farsi strofinare la lampada in un centro massaggi cinese

ore 11:30 Allenamento individuale, ognuno lavora su un determinato aspetto tecnico: sessione di tiro da casa sua per Beli, schemi da 1-2-3-4-5-massaggiatore-vice-autistadelpullman-bagarino per Vitali, cori e scippi per Poeta, 4 sessioni di tiro per Aradori tirando nella terza sessione con la palla di fuoco come a NbaJam, hakeemmeggiare per Cusin con improbabili giri e tiri dall’angolo che causano 2 feriti tra lo staff tecnico e 1 minuto di corsa per Magro

ore 12:30 Cinque contro cinque

ore 12:40 Partitella interrotta, Rosselli si è mangiato l’avversario

ore 13:30 Allenamento finito, tutti in doccia

ore 13:45 Gentile è nervosissimo “Io ti spacco il culo, hai capito? Ti umilio quando voglio nano di merda” – Datome cerca di calmarlo “Ale, ma con chi ce l’hai? Calmati” – “Col bagnoschiuma. Si è permesso di cadermi sul piede”

ore 14:30 Pomeriggio di relax: Melli va dalla parrucchiera a farsi i colpi di luce, Cinciarini chiama quel gran pezzo di gnocca di sua moglie sincerandosi di essere ancora lui il marito, Datome si spaccia per Moscardelli per far colpo sulle slovene, Poeta va in sala giochi e quando la cassiera è distratta dà i calcetti alla macchina per vincere i gettoni facendoli cadere, quel cane di Aradori insegue le cagne locali, Rosselli e Cusin prenotano per 12 al ristorante e vanno solo loro due, Poeta ferma i ragazzetti sloveni e gli rivende al doppio i gettoni rubati in salagiochi sotto la minaccia di un coltellino svizzero

ore 16:00 Mancio telefona ad Aradori “Cane, ho organizzato una gang bang nella suite di un hotel extra lusso, siamo io te e 8 cagne slovene con un pedigree da far impallidire anche Sasha Grey e la morosa di Rin Tin Tin contemporaneamente, che fai?” – “Bau! Corro come se non ci fosse un domani”

ore 17:00 Rosselli e Cusin sono ancora a tavola. Dopo aver fatto bis del tris di primi, aver mangiato una grigliata di carne che sfamerebbe mezzo Burkina Faso, aver bevuto 4 litri di vino bianco frizzante sloveno che fa più schifo del cus cus in Lettonia, aver raso al suolo il carrello dei dolci e essersi tracannati 12 Tassoni a testa, hanno ancora fame e ordinano un doppio carrello di bolliti. Il cameriere alza le mani “Mi dispiace ma tra i bolliti abbiam finito Scariolo” – “Non ci interessa, porta quello che hai”

ore 18:30 Pianigiani entra in un negozio di materiali edili: deve comprare il gel

ore 19:30 Sms di Joe Dumars a Datome “Gigione, se vinci gli europei te lo giuro su Dio, sul crossover di Isiah Thomas e sul gioco pulito di Bill Laimbeer, che sto a digiuno per mezza giornata”. Gigi, che è l’unico al mondo insieme ad Harden e Moscardelli ad avere le emoticons con la barba, risponde con uno smile che fa l’occhiolino

ore 20:30 La squadra si ritrova in hotel per cenare

ore 20:45 Il cameriere involontariamente sporca di sugo la camicia bianca di Gentile. Poeta in 7 secondi netti gli fotte portafoglio, cellulare, scarpe, memory card della Play Station, papillon e anima. Gentile lo porta nel retrobottega, lo mette in un sacco nero e lo spedisce a Caserta dove dei suoi amici lo faranno sparire dentro un pilone di un viadotto sulla Salerno-Reggio Calabria

ore 21:00 le forze dell’ordine riescono a portar via Cusin e Rosselli dal tavolo e così può finalmente cominciare la sessione-video sulla Slovenia

ore 21:15 “La Slovenia è una squadra molto quadrata, sono completi in tutti ruoli. Facciamo molta attenzione ai fratelli Dragic, soprattutto a Goran e poi anche a Lorbek che è un gran tiratore” Pianigiani parla guardando le immagini e ad un certo punto si gira verso il gruppo: Aradori dorme, Peppe ha in tasca il cellulare di Aradori, Gentile insulta sè stesso non avendo nessun altro da insultare, Cusin e Rosselli russano di brutto. Pianigiani si incazza

ore 21:20 “Bisogna che abbiate un po’ di dignità! Un po’ di anima cazzo! Facciamo a cazzotti, almeno. Ma che cazzo c’avete dentro?” – “Ok coach, chiedo scusa, ecco cos’ho dentro” Poeta apre la felpa:ci sono tutti i cellulari dei giocatori di Grecia Finlandia Russia e Turchia, 6 i-pad, il catetere di Turkoglu, un barattolo di stucco di Pianigiani, 70 matitine dell’Ikea, la merenda di Bourousis (una fiorentina da 1 chilo e mezzo), il pettine da barba di Fotsis, le carte da poker di Vitali e la caviglia di Diener. “Chiedo scusa, ora restituisco tutto. Coach ora può riprendere tranquillamente”

ore 22:45 finisce la sessione video e ogni giocatore si dirige verso la propria stanza

ore 23:30 Gentile ne approfitta per rispondere ad alcune mail dei suoi fans “Ciao Ale, ti seguo da sempre, sei il mio giocatore preferito, spero che l’anno prossima tu vada in Nba. Marco da Milano” – “E io spero che tu vada a fanculo. Alessandro dall’albo d’oro degli Mvp Nba”

ore 23:45 Gigi è in stanza con Vitali. Prende la chitarra e comincia a suonare e cantare canzoni. Repertorio rock. La musica è una sua grandissima passione. Vitali però ha mal di testa, gli dice di smetterla 1, 2, 3, 4 volte, poi si stufa e chiama Poeta

ore 23:55 Datome guardandosi allo specchio rivede Marcin Gortat. E in effetti pare proprio lui: Peppe gli ha rubato barba, capelli, peli sul petto e passaporto italiano

ore 00:15 Belinelli messaggia con Popovich “Hey Pop, did you see how dominating I am? I improved in readings, got a big leadership and I’m playing as a real pro. I’m very excited for the next season and I’m eager to be coached by you, to me you are one of the greatest coaches ever. Finally a dream comes true! Since I was a child I wanted to play for the Spurs. I’m so happy to begin all this shortly! What about you?” – “Yes” la risposta di Popovich

ore 00:25 La Tassoni-mania ha rapito anche Melli che canticchia ogni secondo “Quante cose al mondo puoi fare? Costruire? Inventare? Ma trova un minuto per me! Per voi e per gli amici: Tassoni” – Cinciarini che è in camera con lui non ne può più e gli risponde per le rime “Quante cose al mondo puoi fare? Tipo non cantare? Vaccagare? Stai zitto un minuto per me! Per voi e per gli amici: hai rotto i coglioni”

ore 01:00 Ormai tutti dormono: il coach che è incollato con la testa al cuscino, Aradori che al posto di russare abbaia, Rosselli che conta le braciole, Vitali che sogna di essere un pivot dominante, Melli col pannolino perchè piscia Tassoni in continuazione, Belinelli da solo nel matrimoniale altrimenti non ci stanno le palle, Diener che sogna di avere una caviglia, Cusin che sogna di andare all’anagrafe e cambiare nome in Hakeem, Datome che sogna la bancarotta della Gillette, Cinciarini che sogna sua moglie e le coperte prendono la forma di una tenda canadese, l’uomo Dalmonte che sogna di dire “sì”, Gentile che prende a calci Morfeo, Poeta che sogna di rubare il cuore a tutti i tifosi, Magro che chiude occhio per un minuto e la stragrande maggioranza degli italiani e della carta stampata che fanno a pugni per salire sul carro dei vincitori

Non si è ancora vinto niente, ma il cielo sopra Lubiana è dipinto anche d’azzurro.