di Raffaele Ferraro

 

 

Ore 7:45 si sveglia e si alza. Va in bagno ma trova occupato. Il suo ego si è alzato prima di lui

 

Ore 9:00 rilascia una dichiarazione a ESPN: “Lonzo può vincere 6 titoli come Jordan”

 

Ore 10:00 rilascia una dichiarazione a NBA TV: “Lonzo può fare più triple doppie di Westbrook e se non le ha ancora fatte è perché non gli va”

 

Ore 11:00 rilascia una dichiarazione alla Gazzetta dello Sport: “Se Lonzo prendesse il passaporto italiano potrebbe giocare in Nazionale, da solo, e vincere l’Europeo”

 

Ore 12:00 rilascia una dichiarazione a Studio Aperto: “Lonzo ad agosto esce nelle ore più calde, si veste di nero e non beve acqua”

 

Ore 12:05 Su Youtube vede una pubblicità dell’NBA con slogan “This is why We Play”

Ore 12:07 Rilascia una dichiarazione a Bleacher Report sostenendo che non sa chi sia questo “We”, ma che Lonzo può batterlo 31-0 anche giocando scalzo con una mano legata dietro la schiena.

 

Ore 12:10 Sui social media si congratula per la vittoria del campionato NCAA ottenuta dal figlio

ore 12:11 ESPN fa notare che ha vinto North Carolina e non UCLA

 

ore 12:12 comunica ufficialmente l’apertura di una nuova rete televisiva chiamata “LaESPN”

 

Ore 12:30 Il figlio LaMelo, durante un match con la sua high school, percula il difensore indicandogli da dove segnerà il prossimo canestro. Il difensore ribatte indicandogli la mattonella sotto cui sotterrerà il suo corpo. E’ Johnny Artest, il nipotino di Ron.

 

Ore 14:00 LiAngelo si lamenta col padre perché non lo caga mai

 

Ore 14:15 LaVar rilascia una dichiarazione alla CNN: “Se LiAngelo giocasse a Cleveland, Lebron James partirebbe dalla panca, Irving non sarebbe convocato e Love verrebbe ceduto a Tortona per avere più minuti”

 

Ore 14:20 Scopre che nessuno dei tre figli è stato inserito nei roster di NBA2K18

Ore 14:25 Annuncia a Wired la pubblicazione di una franchigia di Videogiochi dal titolo La2K18, in cui si potrà giocare con solo 3 personaggi

 

Ore 14:40 L’anagrafe americana gli chiede se è ancora sicuro dei nomi dei figli

 

Ore 15:00 passa davanti all’ingresso di una polisportiva. Vede un cartello con scritto “Se pensi che tuo figlio sia un campione, portalo da un’altra parte”

 

Ore 15:05 denuncia la polisportiva per messaggi gravemente lesivi nei confronti della comunità

 

Ore 17:00 rilascia una dichiarazione al New York Times: “Lonzo può diventare il nuovo Steph Curry. Ma anche il nuovo Shaquille O’Neal”

 

Ore 18:00 rilascia una dichiarazione a Tv Sorrisi e Canzoni: “Lonzo è più bravo di Carlo Conti”

 

Ore 19:00 rilascia una dichiarazione a il Sole e 24 ore: “Il PIL di Lonzo è più alto di quella della Cina”

 

Ore 20:00 rilascia una dichiarazione a Famiglia Cristiana: “Lonzo è Dio”

 

Ore 20:10 SKY ITALIA deve smentire una sua dichiarazione fasulla sostenente che Carlo Cracco se ne è andato da MasterChef per fare posto a Lonzo

 

Ore 21:00 LaMelo segna 200 punti in un’amichevole contro una squadra che non si è presentata. Il padre gli fa una foto mentre il figlio tiene in mano un foglio con scritto “200”.

 

Ore 21:15 rilascia una dichiarazione a Bleacher Report: “LaMelo vale due Chamberlain”

 

Ore 21:25 Dichiara tutti e tre i figli eleggibili per il Draft NBA, l’All Star Game, Fast And Furious 8, Sanremo 2018 ed Estate Ragazzi

 

Ore 22:30 Lonzo, LaMelo e LiAngelo hanno appuntamento dallo psichiatra. Come ogni sera.

 

 

Ore 00:15 è fuori a bere con gli amici. Alza esageramente il gomito bevendo 14 vodka lemon

 

Ore 02:30 in preda ai fumi dell’alcool, rilascia una dichiarazione a reti unificate: “Sono un coglione”

 

ore 02:31 il pianeta Terra fa partire un applauso spontaneo