ore 6:55 zia Carmela, dalla Calabria, è già arrivata.

 

ore 7:17 zio Carmine, da Posillipo, è già arrivato.

 

ore 7:21 nonno Luciano, non avendo cantieri da vedere perché a Natale non lavora nessuno, ha pensato di arrivare in anticipo

 

ore 7:22 Zio Luigi, Zia Maria e i loro 4 figli hanno fatto una sorpresa e sono arrivati qualche minuto prima di pranzo.

 

ore 7:25 casa tua sembra Pamplona a luglio quando fanno la corsa dei tori.

 

ore 7:30 ti alzi per disperazione.

 

ore 8:15 i tuoi cugini hanno smontato il canestrino in camera sostituendolo col poster di Chiellini, e stanno giocando a calcio con la palla da basket che hai comprato una settimana prima.

 

ore 8:25 chiudi fuori in terrazza i tuoi cugini.

 

ore 9:30 Zia Carmela dalla Calabria chiede se vuoi delle melanzane sott’olio da inzuppare nel latte.

 

ore 10:45 Zio Luigi chiede se hai la fidanzatina.

 

ore 10:46 ti chiudi in camera a pregare San Ginobili.

 

ore 11:00 zio Giorgio chiede cosa ne pensi della relazione tra Wanda Nara e Icardi.

 

ore 11:02 chiami il telefono Azzurro. Ma è occupato.

 

ore 12:25 tra due ali di folla, dopo 16 giorni, 21 ore e 46 minuti, la nonna esce dalla cucina. “Tra mezz’ora è pronto”. Boato famigliare e Zio Carmine accende due fumogeni in soggiorno.

 

ore 13:00 prima porzione di lasagne

 

ore 13:20 seconda porzione di lasagne

 

ore 13:30 primo piatto di tortellini in brodo

 

ore 13:45 secondo piatto di tortellini in brodo

 

ore 14:00 tutti in commensali iniziano a far tremare le mani al grido di “ooooooooooooooooooohhhh”. Ecco che arrivano i secondi… “olèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè”

 

ore 14:50 è arrivato il quinto secondo con l’ottavo piatto di contorni

 

ore 15:00 il tuo colesterolo sta tankando

 

ore 15:20 tua nonna, senza farsi vedere da nessuno, ti passa in no-look alla Jason Williams la busta coi soldi.

 

ore 15:30 termina il pranzo

 

ore 16:00 proponi qualche gioco di società

 

ore 16:05 dormono tutti

 

ore 17:00 il terzo petardo che fai scoppiare in salotto senza che nessuno dia cenni di vita, è il segnale che puoi scappare.

 

ore 17:55 sei a casa del tuo amico Carlo. Non sta simpatico a nessuno ma siccome ha Sky, siete in 14 a casa sua. Il menu della serata è più ricco di quello del pranzo:

 

 
  • alle 18 New York-Philadelphia
  • alle 21 Golden State-Cleveland
  • alle 23:30 Boston-Washington
  • alle 2:00 Oklahoma-Houston
  • alle 4:30 Lakers-Minnesota
 
ore 18:35 Mirko dice che Porzingis è sopravvalutato.

 

ore 18:36 Mirko lascia la casa ammanettato dai Carabinieri.

 

ore 19:40 Flavio Tranquillo legge alcune mail arrivate in redazione: “Simmons non capisce niente ouchei! Lui in contropiede non ferma mai da linea tiro louibero ma va sempre fino in foundo perdendo pallone”. Ci sono solo le iniziali del mittente, D.P.

 

ore 21:45 LeBron anticipa un passaggio di Klay Thompson e va a schiacciare talmente forte che tutti i vicini scendono in strada con le coperte.

 

ore 22:30 Tranquillo legge un’altra mail arrivata in redazione “Kevin Durant è il giocatore più forte di tutti i tempi”. La firma della mail è K.D.

 

ore 2:40 azione a difesa schierata di Oklahoma: tripla di Westbrook sul ferro, rimbalzo in attacco di Steven Adams, tiro sul ferro di Melo, rimbalzo in attacco di Adams, step back e tiro di Paul George sul ferro, rimbalzo in attacco di Adams, tiro marcato da 9 metri di Westbrook, rimbalzo in attacco di Adams che prende il pallone e lo calcia in Nuova Zelanda.

 

ore 4:55 una tripla di Lonzo Ball spacca l’abat-jour dell’Ikea in soggiorno.

 

ore 7:15 la mamma di Carlo arriva in soggiorno con acqua, sali minerali, asciugamani, integratori, una cassa di Gatorade e abbraccia commossa tutti quanti uno ad uno: la maratona NBA è finita.

 

ore 8:00 finalmente sei a letto, distrutto, e ti addormenti in due secondi.

 

ore 8:20 vieni svegliato all’improvviso dagli operatori del 118 che fanno irruzione in camera: spalancano la finestra e tentano di salvare le vite dei tuoi cugini in fase di ibernazione avanzata.